"Mistero" una poesia di Vincenzo Guzzo

 

MISTERO
 
Mistero
ci costringi in queste luci
a stagioni di fatica
e incantamento.
Ti riconoscerò
tornando ad occhi chiusi
dopo il tramonto
così come nascendo.
Il Regno 
mai perduto ed obliato
che non conosce tempo
né misure
è un cielo che profuma
come i campi,
soffici zolle 
tra le stelle pure.

Potrebbero interessarti

Articoli più letti

Questo sito utilizza Cookies necesari per il corretto funzionamento. Continuando la navigazione viene consentito il loro utilizzo.