“... scrivi il lamento di Dio e le rovine intorno: Alda Merini” di Tommaso Romano

Risentire la parola di Alda, la sua necessitante sete d’amore, la lucida follia della bellezza, il fru­scio di un fiore scippato alla vita.
La negazione della creatività nella costrizione della casa dei pazzi che son savi e i folli fuori che pontificano razionalità, odiando e perseguitando.
La vita diventa il sogno e Alda vive cullata di il­lusioni e speranze, spesso tradite a volte baloccate nella neve fra i Navigli stanchi.
La parola originaria è un corpo di nudità che non si prostituiscono al moralismo di borghesi in­grigiti dal bon ton delle vesti sdrucite e dalle lenti inservibili.
Un grido d’ansia e perdizione voluta fra i grovi­gli d’anima in pena a sopportare le ansie e le vio­lenze del tempo oscuro.
Ora rincorre il salmastro del tedio in una sinfo­nia di suoni lievi e violenti.
Vibra l’anima e ritrova il calore negato, una sal­vazione possibile per sè per altri in attesa. Pochi.
Il cuore della notte vive fra gatti sornioni e tu vegli aspettando.
E scrivi il lamento di Dio e le rovine intorno.
Eppure un grido d’orgoglio e speranza non pie­ga il tuo voluttuoso pensare alla ricerca di un im­probabile graal.
Restano i giorni.
La luce d’un verso che rifà il verso alla vita intermittente, subdola, disarmonica all’apparen­za e pienamente irradiata d’una luce interna non sempre comprensibile a coloro che non sentono la Voce d'anima mundi.
Alda nome che fu numero sciatto in archivi d’inverno.
Alda che muove le dita e scuote la testa sdraiata su un letto di foglie d’argento.
Alda è poesie delle tenebre e dei cieli inviolati.
La Parola resta nel seno e nel senso ultimo di ciò che hai donato; un soffio di vento purissimo e lieve, uno sguardo pietoso e implorante il seme dei semi che ci obbliga a ripensarci oltre ogni ovvietà.
Alda è il chiarore primigenio, il calore senza ge­ometrie e impertinenze, lo stupore di esserci.
L’Alda s’eterna e attende la nostra conversione donante.
 
Testo posto in Appendice al Volume di Giulia Sottile, Sul confine. La poesia e il personaggio di Alda Merini, Ed. Prova d’Autorew, Catania, 2018
 
 

Potrebbero interessarti

Articoli più letti

Questo sito utilizza Cookies necesari per il corretto funzionamento. Continuando la navigazione viene consentito il loro utilizzo.