Elite e Distinzione/ 41 - Oliviero de la Marche

E così, mio signore, è necessario sapere, in questo caso come negli altri, chi è da ritenersi gentiluomo, chi nobile, chi uomo comune... Gentiluomo è colui che discende da genitori di antica nobiltà: egli ed i figli nati dal suo matrimonio sono nobili. Invece la nobiltà, primo stadio di questa condizione di distinzione, è acquisita in primo luogo da coloro i quali hanno svolto grandi compiti al servizio del principe, ricevendo così titoli nobiliari trasmissibili anche ai discendenti. I loro eredi possono chiamarsi gentiluomini, se conservano la condizione di uomini liberi e conducono una vita da nobili. In terzo luogo, un servo del principe o una qualsiasi persona può meritare il titolo nobiliare per sè e la sua progenie se ha vissuto una esistenza onorata ed è stato fatto cavaliere dal suo signore. Il quarto modo per rendersi degno del titolo consiste invece nel dedicarsi alla professione delle armi, in qualità di uomo d’armi, e nel servire il principe valorosamente e lungamente in guerra. Infine, il principe può nobilitare un uomo consegnandogli la patente di nobiltà per la sua vita retta e virtuosa o per le sue ricchezze. Ed anche se è vero che la nobilitazione tramite lettera o patente è la autorizzazione di minor valore, tuttavia è ancora abbastanza evidente che l’antica nobiltà deriva dall’antico benessere. In conclusione: è più felice e stimato colui che entra nella schiera dei nobili virtuosamente, di colui che ne esce nel vizio.

Potrebbero interessarti

Articoli più letti

Questo sito utilizza Cookies necesari per il corretto funzionamento. Continuando la navigazione viene consentito il loro utilizzo.