UN ASPRO CANTO, di Francesca Simonetti

 

          

 

 

           In questa silloge, Francesca Simonetti esprime una poesia “nuova”, intensa, di forte carica emotiva, intrisa di mestizia, di rabbia e di dolore contenuti. È “un aspro canto” perché la parola “dolce e possente” non riesce a mitigare il dolore, è sovrastata da tanta tragedia umana, dal «male di vivere» di fronte al quale nulla può l’indifferenza montaliana; infatti, “siamo ancora dolenti per le nuove guerre (…) per il mondo immerso nella morte del pensiero”. Difficile è cantare in un mondo, dove è quotidianamente perpetrato lo “sterminio della bellezza”, e tuttavia la nostra poetessa non  appende la cetra «alle fronde dei salici» perché, come espressamente dichiara, “la fede ancestrale / l’amore” delle persone care le fanno “da faro / nelle alterne tenzoni” della vita. L’attualità col suo carico di  violenze contro le donne e i bambini, di odio, d’indifferenza verso i nuovi migranti, di tante vite innocenti naufragate nel Mediterraneo, irrompe come un fiume in piena in questa raccolta, dove forte e costante è la ricerca della bellezza, dove l’amore, la solidarietà, la pace si traducono in parole e immagini scolpite potentemente contro il “frastuono del tempo / che ingoia l’odio e l’amore”, contro le “beffe / (di) quel destino che torna ricorrente / ignoto ed infinito come gli uragani / o i maremoti”. Altri temi sono: la memoria degli “anni / dileguantesi come farfalle silenziose”, la vita rivissuta come un viaggio, come un treno ora fermo su un “binario in disuso” e che è mosso solo dai ricordi, da “fardelli di ritrovati sogni”, il pensiero della morte, legato inevitabilmente al tempo che si accorcia, e la lotta per non essere “schiava della paura”, per sopravvivere, “ogni giorno” allenandosi “per incontrare il sole”.  In questa silloge, lo spessore del pensiero è in stretta simbiosi con i sentimenti più alti che la poesia permea di sé ed eleva fino a una sommessa preghiera per la salvezza dell’uomo e del mondo riposta in un “Dio (che) si nasconde nelle pieghe / dei cuori e attende”, e che, dunque, nonostante tutto, ha fiducia nell’uomo. E se Dio ha fiducia, allora non può venire meno la speranza in un tempo migliore, in una “dimensione nuova dell’esistere”.

Potrebbero interessarti

Articoli più letti

Spazio riservato

spazio riservato

Login

Questo sito utilizza Cookies necesari per il corretto funzionamento. Continuando la navigazione viene consentito il loro utilizzo.