Lettera di Marcello Veneziani a Tommaso Romano per culturelite

Caro Tommaso,

l’avventura di un social magazine colto e d'élite, come annuncia già il suo nome di battesimo, mi sembra un ritorno al futuro. Uso volutamente l’espressione ritorno perché ripubblicare qualcosa con te mi fa tornare ai nostri vent’anni e riprendere quel discorso iniziato quarant’anni fa, con te giovane editore e con me autore esordiente. L’ultima thule si ricongiunge con la prima thule delle origini. E si proietta nel futuro. Questa volta non si tratta solo di amare e testimoniare la tradizione rispetto alla modernità, ma di esprimere e promuovere la cultura in opposizione alla barbarie dell’ignoranza presuntuosa, e l’aristocrazia delle idee in opposizione all’individualismo di massa. A cinquant’anni dal ’68, torna in cattedra l’ignoranza che fa rima con arroganza. L’ignoranza c’è sempre stata, e ha sempre riguardato le masse; ma stavolta c’è la convinzione che l’ignoranza sia segno di purezza e di novità, anche perché è tecnologicamente avanzata, e dunque pretende il potere. Ci tocca così vivere tra un’odiosa e declinante egemonia culturale da un lato e una crescente e insolente ignoranza al potere. Ripartire da un social magazine, come tu fai, come voi fate, come noi faremo, mi sembra una risposta giusta e adeguata. Avanti con l’impresa, cavalieri del web.

Marcello Veneziani

Potrebbero interessarti

Articoli più letti

Questo sito utilizza Cookies necesari per il corretto funzionamento. Continuando la navigazione viene consentito il loro utilizzo.