Serena Lao, "La straggi di lu pani"

Nel 1998 Serena Lao venne incaricata dall’Assessore alla Cultura della Provincia Regionale di Palermo Prof. Tommaso Romano, di comporre una ballata dedicata ai 24 martiri della “rivolta del pane”, come fu da allora denominata quella assurda e dolorosa strage, per ricordare, come si faceva ogni anno,quel triste giorno in cui Palermo si era macchiata di sangue innocente.

L’Artista, cantautrice e poetessa che ha travalicato artisticamente i confini della sua amata Sicilia,  non sapeva nulla o quasi di quel tragico episodio avvenuto nel lontano 1944, prima ancora che lei nascesse. Si procurò i giornali dell’epoca, li lessee nacque così “La Straggi di lu pani” che fu rappresentata a Palazzo Comitini il 19 ottobre 1998, davanti alla lapide con scritti i nomi di tutti quei giovani morti, alla presenza di un pubblico attento e commosso e delle massime istituzioni della Provincia Regionale di Palermo.

 

 

LA STRAGGI  DI  LU  PANI

 

Viniti ascutati genti siciliani

vi vogghiu cuntari un fattu traggicu

na straggi ca nun havi eguali

ca fici vèstiri a luttu tanti palermitani.

 

Era lu 19 ottubbri du 1944

 

L’arba nto celu già facia spuntari

na matinata fridda e senza suli

Palermu mi dicava li so’ chiaj

Palermu terra china di duluri.

La guerra avia lassatu li faiddi

negghia nt’all’ariu e celi senza stiddi

occhi sbarrachiati morti strati strati

nenti spiranza e tanta puvirtati!

Lu scuru ammugghiava li pinzeri

la fami era forti cchiù d’aieri

Ancili ca di Ddiu siti mannati

ddu tintu jornu unn’eravu ammucciati!?

La raggia strantuliava la menti e la cuscenza

li picciriddi nun avianu nenti nta la panza!

Li mischineddi nun sapianu cchiù chi fari

a quali santu s’avianu a vutari

pinzaru accussì di protestari

davanti a lu Prefettu si ieru a prisintari.

Eranu tanti eranu picciotti

ddu jornu iddi s’accattaru a morti!

Parianu tanti cani vastuniati

ittavanu vuci pi essiri ascutati

travagghiu e pani vulianu truvari

quali judici li putia cundannari!

Li vuci poi si ficiru cchiù forti

e li surdati arrivaru a frotti

lu primu sparu... doppu lu secunnu

ma nun si sapi cu detti lu cumannu

Nun sparati… nun sparati!!!

Sunnu picciotti e mancu sunnu armati!

Ma li surdati parianu ’mpazzuti

macari li bummi foru ittati.

Di russu si tincianu li strati

lu sangu ’n terra li testi scafazzati

Cristu pi l’omu fu ’nchiuvatu ’n cruci

ma dda matina nuddu ’ntisi a Vuci!

Na matri sventurata

saputa la nutizzia curriu pi la strata

a talialla paria la Madonna Addulurata:

“Figghiu, figghiu chi t’hannu fattu!”

E comu quannu era nicu si lu strincia a lu pettu

l’accarizzava ci vasava i manu

si l’annacava e ci cantava pianu:

“Dormi dormi figghiu amatu

ca to mamma ti duna lu ciatu.

Dormi dormi figghiu miu

pi tia ora ci penza Ddiu”

Di n’autru latu arrivava un gran lamentu

“Figghiuzzu miu comu t’haiu truvatu

stu ciuri ’n pettu cu ti l’ha’ appizzatu

cu ti scannò fu un malidittu cani

c’ammazza a genti pirchì voli u pani”

 

Chiuviddicava supra ddu duluri

Palermu certu nun si fici onuri.

Chista è la straggi di la puvirtati

ca fa ammazzari li frati cu li frati

Curriti tutti, genti palermitani

li vostri frati foru ammazzati comu cani

chianciti tutti genti siciliani

ca nun s’ammazza a cu addumanna u pani!

Matri nisciti fora ittati vuci

li vostri figghi foru misi ’n cruci!

 

La notti scinni e agghiutti cu lu so mantu

nta lu silenziu… di 24 matri si senti lu chiantu!

Potrebbero interessarti

Articoli più letti

Questo sito utilizza Cookies necesari per il corretto funzionamento. Continuando la navigazione viene consentito il loro utilizzo.