Indovinelli, aneddoti e novelle del popolo siciliano scelti da Giovanni Teresi

Immagine correlata

 

 

Indovinelli, aneddoti e novelle del popolo siciliano

 

  1. Due ladri vogliono rubare in una mandria, mentre l’uno sonando e cantando presso i astori ne distrae l’attenzione e cantando dice al compagno nascosto di rubare le pecore e di avvelenare e uccidere il cane:

 

Prestu, Nardu,’un scantari;

li piedi pilusi li fazzu abballari,

si Ciafazza fa rivuggiu,

e tu dùnicci ‘u stranuggiu.

Oh che è bellu stu lustru di luna

sàuta,Nardu, e pìggiani una;

corna dritti ‘un hâ’ piggiari,

corna tuorti ‘un ni lassari;

duoppu fatti ‘i so’ disinni,

sàuta, Nardu, e fujitinni!     (Modica)

 

 2) Un uomo calvo si fa una parrucca coi capelli della nonna, cadutile per malattia.

Uno, incontrandolo, gli dice:

 Patrinnuosciu Sammasili,

vostra nanna ‘un havi pili;

vi ni fici ‘na giuccazza,

cci nisciti ni la ciazza.

Di chi è fatta sta giuccazza?

 

E l’uomo della parrucca:

 Chi si’ uorva ca ‘un la viri?

Fatta è ‘i ciciri di pili.

 A cui il primo:

 Ora si, mi n’hè addunatu,

Fatta è ‘i ciciri ‘i pilatu.     (Chiaramonte)

 

 3) Un signore viaggiando giunge in una casupola, innanzi alla quale una donna sta a tendere il bucato ad una fune per farlo asciugare. Allora fermatosi con il suo cavallo, le domanda:

 A tia chi long astenni

tutta chissa chi ti penni,

Chi hai di manciari?

 Ed essa risponde:

 Manciari di culu,

Viviri di pirtusu

E rascusu pi lu pìlusu. (Palermo)

 

 Indovinello

 

Tri monaci passavanu,

tri pira pinnuliavanu;

ognunu si ni piaggiau unu;

quantè ca ni ristavanu?   (Modica)

 

 ‘Na vota un cristianu dissi sta cosa:

Oj vuscai quattru tarì: un tarì lu ‘mpristavi, un tarì lu detti a cui l’avia a dari;un tarì lu jittavi a lu ventu, ed un tarì lu detti a cu’ parra beni e mali di mia. (Termini)

 

C’era un maritu ed una moglie, e uccisero una gallina. Disse il marito alla moglie:

Sala le ali della gallina; la moglie non volle salarle, e le ali puzzarono. Le parole che il marito disse alla moglie furono queste:

Piglia ss’ali e sala ss’ali – si nun Sali ss’ali, ss’ali fetinu.       (Cianciana)

 

Novella

Lu ‘nniminu di minzogni

 

C’era ‘na vota un Re, ch’avia ‘na figlia e l’avia a maritari, e la dava pi mughieri a cu’ cci dicia un’nniminu tuttu di minzogni. Cci jevanu tanti; dicevanu lu so ‘nniminu; ma siccome cc’era quarchi virità, lu Re cci faciva tagliari la testa.

All’urtimu cci jìu unu, e cci dissi un ‘nniminu. Lu Re tinni cunsignu, e si vitti can un cc’era nudda virità, e daccussi cci appi a dari la rigginedda.

Lu ‘nnimiu, tuttu di minzogni, fu chistu:

 Apprima mè patri

addivava triccientu lapi-mastri.

Sira e matina iu li cuntavu;

‘na matina ‘un li cuntavu,

mi scappò ‘na lapa-mastra,

e si nni jìu ddabbanna mari.

Subbitu accravaccaju a un cavaddu zuppu,

e mi misi a navicari;

arrivatu ddabbanna mari,

arrivatu la lapa-mastra

ch’ava fattu triccientu cantara di cira,

e triccientu cantara di mieli.

Subbitu li ‘ncarciavu

‘na ‘na scorcia di nucidda,

e mi misi a navicari;

arrivatu a mienzu mari

vitti n’acidduzzu, e cci sparavu:

nun cadiu né vivu né muortu.

Acchianavu ‘nta n’arvu di fanusa,

e mi misi a fari

ligna,gramagli e stieddi,

‘unn’avia cu chi l’addumari

cu li pinni scappà fuocu.

‘Un’avia cu chi l’astutari,

l’astutavu cu l’accietta;

l’accietta s’ardì

e lu manicu m’arristà.       (Vallelunga)

 

 

Bibliografia:   Giuseppe Pitrè "Indovinelli, dubbi, scioglilingua del popolo siciliano" Ediz. Clio

 

Giovanni Teresi

 

Giuseppe Pitrè: Indovinelli, dubbi, scioglilingua del popolo siciliano. Edizioni Clio

 

Giovanni Teresi

Potrebbero interessarti

Articoli più letti

Questo sito utilizza Cookies necesari per il corretto funzionamento. Continuando la navigazione viene consentito il loro utilizzo.