Elite e Distinzione/ 34 - Pier Paolo Ottonello

Ora, io chiamo aristocrazia non una classe né un gruppo che comunque si ponga in fun­zione di qualsiasi forma del potere parziale: intendo per aristocrazia esclusivamente l’unità essenziale delle persone che attuano il potere spirituale come combattimento spi­rituale volto alla propria pienezza e perfezione. E affermo che la storia è possibilità di pro­gresso soltanto in quanto ogni forma di potere riconosca teoricamente e praticamente l’imprescindibilità e dunque la primazia dell’aristocrazia intesa in quel senso. Ogni limitazione o negazione di tale necessaria primazia corrisponde ad altrettante possibilità autodistruttive che sostanziano la storia, in quanto dinamica della libertà. A tale aristocrazia tutti non solo possiamo appartenere di diritto, ma abbiamo il dovere di voler appartenervi, in quanto eser­cizio perfetto della libertà. In questo senso l’aristocrazia, e solo essa, è il fondamento ne­cessario di una perfetta democrazia.

 

 

Potrebbero interessarti

Articoli più letti

Spazio riservato

spazio riservato

Login

Questo sito utilizza Cookies necesari per il corretto funzionamento. Continuando la navigazione viene consentito il loro utilizzo.