"Oggi ho tolto l'elmo" di Vincenzo Gennaro

Oggi ho tolto l’elmo, la corazza e lo scudo, ho posato l’arco, la lancia e la spada, oggi è il giorno del riposo del guerriero, il mondo continua  la sua guerra senza me. E’ una guerra iniziata all’alba della umanità, con la ribellione e la disubbidienza di Adamo ed Eva nei rigogliosi giardini dell’Eden, nella valle del lago Urmia nella parte più settentrionale e inaccessibile dei monti Zagros, un focolaio di guerra che da lì si è esteso al mondo intero. Caino invidioso e deluso uccide suo fratello Abele, l’agricoltore e l’allevatore  uccide il pastore nomade e il raccoglitore. E’ uno scontro fra due filosofie di vita che si riveleranno sempre più incompatibili. Accettare la provvidenza divina come unica via per la sopravvivenza come fece Abele  o elaborare un percorso alternativo, autonomo e autosufficiente come fece Caino. La discendenza  di Caino scenderà lungo gli impervi e impraticabili sentieri della lunga  catena dei monti Zagros sino a raggiungere dopo 3500 anni il golfo persico inventando i mattoni di argilla  e il catrame per murarli e la cottura ceramica, la fusione dei metalli, le barche di giunco  e il tempio di canne ad Eridu .

Potrebbero interessarti

Articoli più letti

Questo sito utilizza Cookies necesari per il corretto funzionamento. Continuando la navigazione viene consentito il loro utilizzo.